caratteristiche del colibrì
Colibrì La leggerezza dell'informazione

Giornale su ambiente e diritti
www.ciampinonet.it
Home Page
Posta
Archivio
Rubriche
Contattaci


GASPERINO ER CARBONARO




Faccio er carbonaro nella Roma papalina.
Forse me ricorderete come comparsa ner grande film dell’Albertone nazionale.
Certo so’ ‘gnorante assai, ed anche un po’ beone.
Perciò quello che dico non deve esse preso molto sul serio.
So’ stato catapultato, nun se sa per quale malefico sortilegio, in la Ciampino der 2000.
Mamma santa er dumila!!!
E qui me tocca de restà, fintanto che la brutta strega che m’à fatto questo nun se decide de crepà……..





Lettera del 10 luglio 2010

A ridaje!!!

Vò lasciato a febbraio a parlà de li Spada (e del loro granne impegno pe salvà la fabbrica e l’operai che ce lavoreno…?!?!?!) e ve ritrovo qua a rimuginà la solita minestra aspettando che diventi na bella lasagna….
Paesani mia, io sò gnorante come na capra, ma nun sò stupido….e da quello che c’ò capito l’unici a guadagnacce in questo ber pastrocchio sò sempre li stessi: li Marchesi, li signori der mattone che cor mattone penseno de risorve tutti li problemi de sto monno.
Ai tempi mia, er Marchese mio se faceva l’affari sua e lo dichiarava pure. Ve ricordate er famoso detto: perché io sò io e voi nun sete una ca…… Li Marchesi vostri, l’affari loro se li fanno lo stesso facendove crede che sò per bene vostro e de tutta la comunità.
Ha! Ha! Ha! E voi ce credete?!?!
E pure er Marchese magno, quello der Palazzo der comune, se sta a prodigà pe salvà le “attività produttive”, così l’anno chiamate le fabbriche….chissà se pure spalà er carbone fa parte de queste, ma me sa de no! E così er Gran Marchese ha preparato un piano pe riqualificà (?!?!?!) una bella porzione de città. Che poi tradotto in soldoni v’ordì: mattone, mattone, e ancora mattone.
Mica arberi, e prati pe passeggià (Mah, forse quarche praticello ce sta), e campi pe giocà a pallone (quer gioco tanto scemo che ve piace tanto), nooooooo….Ste cose so stronzate, sorpassate dai tempi, rimaste nella mente de quei quattro cretini che ancora ce credono. E allora 1000, 2000, 5000 abitanti in più che sarà mai!!! Finchè c’entrano famoli entrà, porelli…come se dice: do ce ne stanno tre ce ne ponno sta quattro, do ce ne stanno quattro puro cinque, do ce ne stanno cinque anche sei, e così via, basta che c’è la grazia di Dio.
Nun sò che divve!! Ognuno se merita quello che c’à, e per voi due sò le cose: o avete tanto peccato in una vita passata o sete tanto rincojoniti da crede all’asini che volano….La seconda, a occhio e croce, me pare la cosa più vera.
Certo se a voi nun ve ne frega gnente de sta città, nun vedo che cosa me ne possa fregà a me che vengo da n’artro monno. Il guaio è che qua me tocca da restà, perché la brutta strega che me c’à mannato nun se decide a morì e co lei tutti li sortilegi c’à fatto.
Comunque nun v’abbacchiate più de tanto, in questa Italietta da avanspettacolo – e poi me vengono a sparlà de la Roma papalina – voi in fin dei conti nun state messi male….a guardà, e sentì, chi ve comanna dall’arto sete arrivati proprio alle comiche….Evviva Italia!! Ha, no, me sà che pure lì c’è poco da festeggià.


Buon cicchetto a tutti.

PS: se quarcuno à visto li Monaci der Casale mò faccia sapè, per favore…..


Gasperino
10 luglio 2010




Lettera del 19 febbraio 2010

Aho! Aho! Che bello sto paese! Anzi sta città!

Aho! Aho! Che bello sto paese! Anzi sta città!
Scoppia così tanto de salute che è esagerata, macchè dico strabboccante…….
Le case sò tante, le strade pure, e la ggente?? Tanta e variopinta. E che dì poi de le carozze de fero?? Tante e grandi, così tante che pe movese diventa ‘nimpresa. Nun parlamo poi dell’aria che respirate…..ricca de tanti gasse, ricca de quelle che chiameno polveri sottili, che pare siano na mano santa pe chi soffre de mar de gola. Ne volemo parlà poi de li gran carcassoni che ve volano su la capoccia e der ber rumore che v’alletta le giornate, e pure le nottate??
Però a penzacce bene quarcosa de poco ce l’avete: er verde. Così poco e splelacchiato da risurtà imbarazzante.
E allora in quarche cosa risurtate scarsi, finalmente!
Ma nun sembra che ve ne freghi più de tanto e ner paese de Bengodi, che sarebbe sti Italietta che avete costruito cacciando er Papa re, nun è certo un demerito, anzi. I valori sò artri, nun certo i praticelli e l’arberi e l’aria bona e la salute e la solidarietà tra umani……sò li baiocchi e tutto quello che je gira intorno. A comincià dar mattone. E sete così occupati a favve li ca…..i vostri che nun v’accorgete che quer poco de teritorio che vè rimasto se lo stanno a divorà der tutto.
E nun sò solo li Marchesi Spada che cò la scusa de sarvà er lavoro de l’operai – e voi ce credete?!?! - vonno cambià le carte ‘ngioco, adesso ce se mette pure un nuovo consigliere, pare che se chiami Guercini, ma nun venne sarcicce, c’à la tera ne li paraggi de via Lucrezia Romana. Pure lui vò costruì tante belle casette, che rendono parecchio de più de li carciofi e de le patate, financo de le carote……
E chissene frega se er Piano Regolatore nun lo prevede, se po’ sempre fà na bella Variante….che qualcuno m’à detto che è come er gioco delle tre carte, qualcuno te frega senza manco che te n’accorgi!!
E voi paesani, me raccomanno, nun ve preoccupate! C’avete sempre er Gran Marchese vostro che penza a voi, e veglia su de voi quanno dormite. E come se dormite…..
Er Marchese vostro penzerà pure a carmà li bollenti spiriti der Palazzo, a ricomporre la maggioranza. Che vordì: tutti insieme appassionatamente, basta che rimanemo a galla!
Se poi cè da sacrificà qualche pezzetto de tera, pazienza! E’ mejo oggi la panza piena, de pochi naturalmente, che domani na città vivibile. Contenti voi…….
Intanto dar 23 ar 28 febbraio sete tutti invitati ar Casale de li Monaci pe incontrasse, pe cresce nello spirito, pe esse felici ner segno dell’arte. Se c’annate, me raccomanno, cercate de vedè se trovate li monaci…….porelli, qualcuno li deve avè rapiti…..ma nun saranno questi delle feste dell’Arte???
A proposito. Ma li baiocchi pe sta bella iniziativa sò ricompresi ne li famosi 70.000 euri der 2009?
Ora me vado a fà ‘ngoccetto.
Stateve bene amici


Gasperino
19 febbraio 2010




Lettera del 27 gennaio 2010

E’ passato er Natale amici, e semo diventati tutti più boni…..
quarcuno de più, quarcuno de meno.


Er vino frizzantino è scorso a fiumi, e se semo abbracciati come fratelli, quarche vorta così forte da nun ritrovà più la sacchetta de li baiocchi. E sì perché delle vorte sti baiocchi spariscono senza che manco te ne accorgi!
A proposito de sparizioni, l’avevo già chiesto l’artra vorta, ma nessuno me sé filato de pezza. Ma li bei workshop che se dovevano da tenè ar Casale durante er 2009 se sò veramente fatti?!?! A me nun me risurta…….eppure ce speravo tanto de potemme risollevà co lo spirito, e ce speravo pure da ritrovà que poretti de li Monaci….ma che fine anno fatto???
Ce lo sò che voi paesani sete presi da tanti problemi, ma i 70.000 euri ch’avete speso pe sti workshop curturali ce l’avevate forse d’avanzo? Se è così, me li potevate regalà a me, che d’avanzo nun me risultavano pe gnente…anzi!
Ve domanderete: ma stò beone quanno se decide de fasse li ca…. sua?
Certo nun sò mia, ma vostri lo sò de sicuro, e pe er bene vostro, visto che ve vojo tanto bene e che sete in tante artre faccende affaccendati, me stò a preoccupà io. Anche se fino adesso, ripeto, nessuno mà saputo dà na risposta……o forse nun à voluto. Bho?!?!
Cambiamo discorso che è mejo.
Sò passato ar Palazzo e la novità pare che sia la chiusura de la fabbrica de li fratelli Spada.
127 pori cristi stanno pe perde er posto de lavoro. Er padrone loro, un Marchese che me pare più dritto che rovescio, dice che la fabbrica, pe campà, deve da esse delocalizzata, spostata cioè, pe chi nun l’avesse capito. A Pomezia pare, che nun è né la Cina nè er Brasile…..
Io sò ‘nporo carbonaro ‘gnorante, ma la differenza ‘ndò stà?? Se sta fabbrica po’ campà a Pomezia, perché nun po’ continua a vive in questa città??
Ma la cosa più bella è che pe mannà avanti la baracca sempre er padrone dice che su quei tereni ce se devono costruì tante belle villette, e bei negozi, e se ce scappa pure ‘ncentro commerciale. Ma aiutateme a capì, vè venuto a dì, anzi l’à fatto dì dall’operai sua, che lui pe fà l’imprenditore a Pomezia c’à bisogno che er comune de Ciampino, già bello che cementato, se continui a cementà fino all’osso? Cioè sto furbetto de Marchese de la carta ve stà a dì che lui continuerebbe a fà l’imprenditore, forse, a babbo morto po esse, in un posto lontano de sicuro, intasando sta città de artre case, de artre strade, de artra gente?
Ma che bella trovata! E voi che ne penzate?
Quello che penzo io conta poco, ma a me me pare che stò Marchese de l’operai vostri nun gnene frega proprio gnente. E ve vò fà crede che Cristo è morto de freddo…….
L’assessori e le assessore, li Maggiordomi der Palazzo pe capisse, anno detto de esse sensibili a sti problemi…….nun s’è capito se a quelli de l’operai o a quelli der Marchese Spada.
L’unici che me sembrano in bona fede so li 127 che rischiano de perde er posto de lavoro, ma la domanda che ve faccio è questa: ce se po’ venne l’anima ar diavolo pe na chimera?


Gasperino vostro
27 gennaio 2010




Lettera dell'7 dicembre 2009

A li paesani distratti ricordo che c’avete speso 70.000 euri,
che nun sò de certo bruscolini...


Oggi nun sò stato ner Palazzo, ma m’anno detto che li capoccioni de Roma, quelli che pe curà l’affari vostra se pjano tanti bei baiocchi, anno deciso che l’acqua la dovete da pagà, e pure cara.
Nun ciò capito, ma nun la pagavate già? Ah, forse ve vonno dì che d’ora in poi, grazie a li privati che se la compreno, pagando voi le bollette de più, forse tanto de più, tutto funzionerà al meglio: le condutture saranno riparate e l’acqua sarà bona come de fonte, anzi de più.
Già, li bravi privati mica penseranno ad ingrassasse loro, co l’anima de li mortac……loro, penseranno a fà funzionà ar meglio l’acquedotti, nell’interesse de tutti…..

Ah..Ah..Ah…. E voi ce credete?!?!?!
Se nun sete contenti de esse cojonati, corete a firma la petizione che chiede a li consiglieri der palazzo de scrive, nero su bianco, che stò giochetto, almeno nel teritorio vostro, nun se po’ fà.
A proposito di cojonamento… quarcuno de bona volontà me fa sapè che fine anno fatto que bei workshop che se dovevano da tenè ar Casale de li Monaci? A li paesani distratti ricordo che c’avete speso 70.000 euri, che nun sò de certo bruscolini……Già tanti baiocchi e ora manco se sà che fine anno fatto que belle sedute curturali che te dovevano da riempì l’anima e fatte cresce de cervello. De sicuro a li ciampinesi gl’anno fatto diminuì er portafoglio. Certo, io so ‘gnorante co la scorza e nun posso capì, forse ste cose sò tarmente curturali, tarmente immateriali che manco se vedono……come a dì…. sò invisibili.
E li Monaci che fine anno fatto? Voi vedè che, co la scusa del workshop curturale, quarche miscredente sel’è rapiti e portati ne le tere de l’infedeli. Speramo de no!!!
Comunque pe ritornà a li beni che sò de tutti, ve devo dà n’artro consijo.
Respirate paesani mia, respirate……prima che quel bontempone dell’irlandese – padrone dell’uccellacci de fero che ve svolazzeno su la capoccia - se comperi pure l’aria.
E sì che se se compra l’aria, c’avete poco da protestà….lui è er padrone e nell’aria ce po’ buttà tutto quello che je pare e piace: fumi e monnezze varie che escheno da quelle gran carcasse de fero. Ortre al rumore naturalmente…….E sperate che armeno nun ve la faccia pagà.
Comunque nun ve preoccupate - come se dice - basta che ce stà a salute…….
Saluti cari dar


Gasperino vostro
7 dicembre 2009




Lettera dell'5 novembre 2009

A rieccome! Ve stavate a preoccupà?
Quarcuno der Palazzo me sà che n’pochetto se la stava a gode...


A rieccome!
Ve stavate a preoccupà?
Quarcuno der Palazzo me sà che n’pochetto se la stava a gode, nun che c’avesse paura de n’povero carbonaro……e fintanto che la ggente è presa a fasse solo e soltanto li cazzi loro.
Ma tantè, un rompicoglioni è sempre un rompicoglioni e un quarche fastidio a sti maggiordomi e ballerine lo crea sempre, un po’ come la mosca che te ronza nell’orecchio.
L’estate è passata da n’pezzo, e già è l’ora de vendemmià. Speramo che er vinello novello sia bono e gustoso…….ma venimo a discute de cose serie. Se fa pe dì, naturalmente!
Ner Palazzo dopo l’aggiunta a la congregua de artri due ViceMaggiordomi, che se nun me ricordo male so dell’UDC, nun me risurta sia successo granchè. Nun me chiedete che vordì udc, forse Unimose Dopo Cena, oppure Unici De Centro……de sicuro me ricordo che er Gran Marchese à voluto allargà la base der suo consenso, in modo che alle prossime elezioni lui possa fà er sarto de qualità, o de la quaja…..boh?!....c’ò le idee n’po’ confuse e me dovete da scusà.
Comunque, dicevamo che nun ce stanno novità. Però a ben vedè na novità cè stata, un sasso buttato nello stagnetto der paese vostro: un gruppo de paesani sé messo n’circolo pe discute de progettazione partecipata …..che parole grosse!! Eppure, io che ce so stato a quell’incontro dopo n’po’ me sò pure appassionato. E le cose che parevano difficili le potevano capì tutti, pure er popolino. Anzi, pe dilla tutta chi ce stava parlava liberamente e quello che diceva c’aveva lo stesso valore de quello che dicevano li capoccioni, compreso er Gran Marchese. Perché la progettazione partecipata, m’anno detto, vordì proprio questo: che tutti sulle questioni importanti de la città c’anno er diritto de parlà e de proporre delle soluzioni.
Certo a li tempi mia, prima che quà zozzona de strega me facesse er sortilegio, nun era così. Er Marchese mio diceva – vo ricordate? – ….perché io sò io, e voi nun sete n’cazzo….
Er Marchese vostro questo nun lo direbbe mai, anzi nun lo penza nemmeno…..o no???
Certo c’à avuto n’uscita infelice, quanno à parlato de referendum. A ridaje! Ma quale? Er famoso referendum che dovrebbe chiede a li cittadini grosso modo così: volete voi sudditi indebbitavve fino al collo, financo a rimanè in mutanne, per na riutilizzazione inutile e costosa de quer cesso de rudere che se trova ner centro de la città?
Ma forse nun voleva dì questo, voleva dì…. Boh!! O saprà lui quello che voleva da dì……
A proposito de partecipazione.
Quarcuno me sa dì quanno ce stanno què bei workshop curturali ar Casale de li Monaci?
Sur sito der comune manco l’ombra, ne la parte riservata ar Casale ce stà scritto de na manifestazione de marzo, e certo sò passati n’ber po’ de mesi!
Ve ricordate che pe stì workshop c’avete speso na bella sommetta de baiocchi?
70.000 euri, mica bruscolini.
Intanto fate come ve pare, buttate pure li baiocchi che volete, ma li Monaci der Casale vojo capì che fine hanno fatto. E fino a che nun l’avrò trovati nun me darò pace, che ve piaccia o no.
Saluti cari dar


Gasperino vostro
5 novembre 2009




Lettera del 20 luglio 2009
Il rimpasto della nuova giunta
Me sa che nun ve ne frega più de tanto, però la Giunta è stata rimpastata, sé allargata….


Me sa che nun ve ne frega più de tanto, però la Giunta è stata rimpastata, sé allargata….m’ànno spiegato che la giunta è na congregua de Maggiordomi ar servizio der Gran Marchese de Ciampino.
Ce n’ereno otto, mò so dieci. Certo er Palazzo è grande, pieno de stanze e de servitù….Ce vò diversa ggente che lo governi. Forse in otto nun bastaveno, speramo che n’dieci quarche idea in più riescano a maturà, così che er Palazzo sia lustro e li cittadini vivano contenti e felici. Mah! Staremo a vedè!
Intanto sti Vicemaggiordomi aggiunti l’à voluti er Gran Marchese pe ingrandì la maggioranza, e cioè li voti che te permettono de restà a galla. Anzi qualcuno m’à detto che je servono – ar Gran Marchese – come base pe arrivà a conquistà l’albero de la cuccagna. Già, je servono come trampolino – che parola strana – pe fà er sarto de qualità…..penzate….pe arivà a Corte. Là dove ce sò gran signori e Duchi e Baroni…e pure tanti tanti baiocchi de prebende.
Me pare d’avè capito – nun sò se voi l’avete capito, ‘mpegnati come sete a rincoglionivve appresso a li telefonini - che er problema vero nun è gestì ar mejo sta città ma conservà, anzi occupà, le portrone, le sedie, li scanni, li strapuntini e tutto quello che se po’ occupà cor culo.
Che bell’operazione trasparenza!!!
Voi elettori avete votato pe na maggioranza e mò ve ne ritrovate n’artra. Nun ve scordate che avete – sempre n’teoria – votato pe n’programma che dice pe filo e pe segno quello che ce stà da fà. Io nun l’ò letto ma penzo che ce stà scritto chi deve da pulì le stanze der Palazzo, chi deve da accudì li cavalli e riordinà le scuderie, chi se deve da occupà delle cucine e via via cantando…
Ma sto programma è stato letto e sottoscritto da sti Vicemaggiordomi novi?!?! Boh??
Ah, a proposito, io ancora nun c’ero…ancora nun m’aveva fatto er sortilegio qua brutta strega che mà mannato qui….ma er Gran Marchese che prima ce stava a Ciampino all’albero de la cuccagna, grazie a li voti vostri, c’è arivato e ancora ce stà aggrappato. Lui c’à guadambiato, e voi? Sta città c’à guadambiato quarcosa?
Intanto rilassateve che stanno pe inizià le vacanze. E nun bevete troppo vinello fresco….
Bacioni,


Gasperino
20 luglio 2009




Lettera dell'8 luglio 2009

Che bella cosa er vino!
E le vigne che danno l’uva….e le tere che continueno a esse coltivate a vigneti..


Che bella cosa er vino! E le vigne che danno l’uva….e le tere che continueno a esse coltivate a vigneti.
C’anno detto dar sito der comune che voi sete n’eccellenza – na vorta sta parola se usava pe indicà n’signore granne come er Marchese mio – ne la produzione der vino biologico e de qualità. Certo sti paroloni sò grossi, ma me pare d’avè capito che er vino è bono e viene da uve cortivate co sistemi naturali…Ma perché ce stanno uve contro natura?! Mah !! Pare proprio de sì.
C’è stata na bella premiazione, dove ce stava la Vicemaggiordoma alle attività produttive che ritirava er premio pe conto der Gran Marchese, signore de Ciampino. E così sto paese è n’eccellenza!! Nun ce stanno solo palazzi e strade e carozze de fero che coreno su e giù all’impazzata. Ce stanno pure le cose bone de na vorta, er vino e le vigne….
Certo de vigne, da quello c’ò visto, ce ne sò rimaste pochine. In compenzo de cantieri de mattoni ce ne stanno tanti, ma proprio tanti, e sò destinati ad aumentà…..e più ce so mattoni più le vigne, tapine, vanno a scomparì.
E allora st’eccelenza n’do sta? A guardà bene li vigneti che danno sto vino bono stanno a ridosso della via Appia, quella antica, ma fora de le tere de Ciampino. Quelle sò tere de Roma. E l’assessora vostra s’è annata a cucca n’premio che nun è certo de quelli der Palazzo. Anzi quelli der palazzo vostro me sembra che d’eccellente c’anno solo la voglia matta de costruì e d’occupà quer poco de tera che c’è rimasta. Quella pe loro è l’eccellenza, artro che!!
Er premio, meritato, è solo dell’Oste Brannetti de la Cantina “Riserva de la Cascina”, che c’à l’uve bone e fà er vino bono. Io ce s’ò annato a la cantina sua in via Fratelli Wright, a beve sto nettare e a scambià du chiacchere. Me pareva n’po’ abbacchiato e se sentiva come accerchiato in un castello sotto assedio, de sicuro nun se sente aiutato da niuno de quelli che bazzicheno ner Palazzo.
Questo ve volevo dì, paesani mia, tanto pe nun favve rammollì er cervello da chi a parole dice na cosa e ne fatti ne fà ben altra.
Sempre che sto cervello nun ve s’è già spappolato….
Avemo parlato de vino, è ora de rinfrescasse la gola.
Su li Monaci der Casale ce ritorneremo, se intanto quarcuno l’à visti mo faccia sapè.



Gasperino
8 luglio 2009




Lettera del 25 giugno 2009

Sto Palazzo pe me è troppo complicato. C’o sapete, sò n’poro carbonaro che je piace beve e le nebbie ner cervello m’accompagneno pe quasi tutto er giorno…..

Sto Palazzo pe me è troppo complicato. C’o sapete, sò n’poro carbonaro che je piace beve e le nebbie ner cervello m’accompagneno pe quasi tutto er giorno…..
Me pare che però le nebbie nun siano solo mie, e se vai a ben vedè de tutti quelli che ce bazzicheno dentro - ar palazzo – pochi, ma proprio pochi c’anno le idee chiare…. O forse molto chiare da falle apparì confuse, così che tutto va a finì n’caciara.
Guardate la storia dell’Igdo, quer palazzone diroccato ner centro de Ciampino che stà lì a crepà lentamente invece de risorve, armeno n’parte, li problemi de sta città. Risolveli però, nun aggravalli co tante carozze de fero che vanno su e giù a strombazzà pe le stradine piccole, piccole. Come vorrebbe quarche buontempone che der bene de la città vostra gnene po’ fregà de meno.
Parlavamo de nebbie….
Er gran Marchese fa finta che er problema nun esiste, c’à da penzà forse a li cavalli de la fazenda o a li scherzi da prete come er marchese mio.
Er Maggiordomo, porello, è combattuto tra volè fà quarcosa pe er bene de la città e nun dà fastidio a quelli che commannano….a vedello, sempre più abbacchiato, me sà che se stà a renne conto de nun contà praticamente n’cazzo.
Li Vicemaggiordomi nun se sentono, ma soprattutto nun se vedono. C’è stato l’incontro sull’Igdo e de loro manco na traccia. Sanno che nun ponno penzà a gnente senza er consenzo der padrone, e allora me sà che se ne sò annati ar mare a mostrà le chiappe chiare.
De li Capoccioni dirigenti è mejo che nun ne parlamo pe gnente….Sò troppo presi a contà li baiocchi che je date pe stà appresso a ste stronzate che vorrebbero migliorà la città.
Er Consiglio comunale, m’anno detto, ha deciso già da du anni de volè cambià er palazzone diroccato e quindi er centro cittadino co la partecipazione – che parola strana?! – de la ggente. E allora? Ch’è successo pe onorà quello ch’anno deciso? Gnente….già proprio gnente. Er Presidente der consiglio, che forse dev’esse er VICEvicemaggiordomo ….co tutti sti titoli me stò a confonne....v’à fatto sapè che er destino vostro è mejo che stà ne le mani de li politici de mestiere. E de li padroni der palazzone diroccato. Loro ce penzeranno a fà, brava ggente, l’interessi vostri mica li cazzi loro. Fidateve?!?! Và pure detto che se proprio volete partecipà se po’ penzà a un referendum…mamma santa che parolona…dovete da risponne si o no a na semplice domanna: volete voi indebitavve fino all’osso, forse fino a li fiji de li vostri fiji, pe rimette in piedi quer rudere schifoso dell’Igdo pe facce praticamente gnente de utile??? Mah! Sarà?!
E li Partiti? Loro dovrebbero appoggià le richieste che vengono dar basso. Qualcuno m’à chiesto: ma perché ce sò ancora a Ciampino???

Bè, se fatto tardi. Co tutte ste nebbie c’ò bisogno de n’ber bicchier de vino.



Gasperino vostro
25 giugno 2009




Lettera del 15 giugno 2009

Sarà che sete in tante faccende affaccendati, però nun v’accorgete manco de quello che spennete pe mandà avanti sto gran carrozzone der Palazzo

Paesani mia, io nun ve voglio offenne….perchè pure se ce conoscemo da poco, sete pur sempre discendenti mia. Come ve posso dì, fiji alla lontana……e quindi ve vojo bene…..
Sarà che sete in tante faccende affaccendati, però nun v’accorgete manco de quello che spennete pe mandà avanti sto gran carrozzone der Palazzo. E sì che pure er Marchese mio è tanto distratto da nun accorgese che li conti dei fattori, spesso e volentieri, sbajeno de quarche centinaio de scudi, a favore loro naturalmente. Ma er Marchese mio c’à tanto da fa, tra gite de cavallo e scherzi da prete, e nun pò sta appresso a certe cose. Ma voi?.....Pure voi c’avete tutti sti cavalli da cavalcà e tutta sta voglia de trastullavve co li scherzi? A vedevve nun me pare…
Vojo ritornà su l’argomento de la vorta scorsa e che m’à dato da penzà, e pure parecchio.
Li Capoccioni der Palazzo, quelli che chiamate “dirigenti” der comune, che sò 6 o7, nun s’è capito bene, guadambiano tanti tanti baiocchi. Ma quello che m’à stupito sò le cifre. Tradotto in euri, parlamo de 4 o 5 mila ar mese. Mille e 250 euri a settimana e cioè 250 euri ar giorno. Così almeno m’anno detto!
E lo sapete quant’è er costo totale all’anno de sto bel servizietto??? Parlamo de sei o settecentomila euri che pesano sur bilancio der comune. Na bella cifretta, nun c’è che dì…….
E certo c’è da sottolineà che qui parlamo de cervelli sopraffini, nessuno lo po’ negà. Sti cervelli fumeno davvero, e più fumeno pe risolve li problemi vostri e più sò da pagà.
Io sò n’poro carbonaro e me piace pure er vino, ma però li conti nun me tornano lo stesso!
Se sò così da pagà, così tanto da pagà, significa che voi nun c’avete nissun problema, che tutto in sta città funziona ar mejo. Ma nun me pare che qui c’avete n’paradiso in tera, a volella dì tutta de paradiso in sta città nun ce sta proprio gnente. E allora??? Qui na cosa è certa, anzi due, loro ce guadambiano, e pure assai, e voi ce rimettete pe nun ottené n’cazzo.
Ecco perché ve dicevo all’inizio che nun ve volevo offenne….Ma se a n’amico je facessero pagà pe ’ncarico de carbone tanti, troppi baiocchi e de quer carico je portassero pure meno de li kili patteggiati, voi a st’amico come lo chiamereste???
Ve dico solo che fa rima co bontempone, compagnone, beone……fate voi….
A proposito de beone, fammene annà che c’ò da fa na cosa urgente in osteria.



Gasperino
15 giugno 2009




Lettera del 5 giugno 2009

Ner Palazzo ce sò annato n’artra vorta. Questa vorta pe conosce l’assessori

Ner Palazzo ce sò annato n’artra vorta. Questa vorta pe conosce l’assessori.
E sì perché de tutta quella gente che gira là dentro c’ò capito der Gran Marchese, der Maggiordomo, de li dirigenti Capoccioni che co quer cervello sopraffino ve risorvono tanti de li problemi vostri, ma……l’assessori chi cazzo sò?!?!
Gira e te rigira, nun ce n’ò trovato manco uno. Comunque pare che, la signora uscera me l’à detto, passeno er tempo loro a programmà la città der futuro e a dà a li Capoccioni l’indirizzi…che nun sò l’indirizzi de casa, ma le cose mejo da fà dall’arto de la loro “visione strategica”…. Mamma santa che paroloni!! Quasi, quasi me se impiccia er cervello.
Però na cosa è certa: se danno l’indirizzi a li Capoccioni, vor dì che sò ancora più cervelloni de questi e io che sò così ‘gnorante nun posso mai arrivà a capilli. E infatti, me porello, nun li capisco.
Però, però…ste visioni strategiche devono da esse così nascoste, ma così nascoste… che manco loro se sò accorti d’aveccele. E visto quello che dicono, pe scoprillo ce vorrebbe artro che ‘n cannocchiale.
Nun ce credete? Leggeteve li penzieri dell’assessora all’urbanistica che l’amici mia hanno scritto da n’antra parte de ‘sto strumento infernale che se chiama sito webbe, papale papale ’ha detti:

“se ce saranno problemi a Colle Oliva?…poi vedemo
Quanno se dice lungimiranza!

“…er numero esatto dell’edifici sulli fossi? Boh...”
Quanno se parla de conoscenza de’ li problemi!?

“…a pise’, ma stai fuso? Che domanne me fai su ste benedette strade…io so l’assessora all’urbanistica lo voi capi’ sì o no?"
E ancora de competenza!?!

“…16 mijoni pe’ li passaggi a livello der treno? Ma che davero? Boh! Ma pure pe’ noi? …”
Che di’ poi della famosa “visione strategica”?!?!

Me pare che qui la visione ce sia, ma solo quella…
Ma allora sto Vicemaggiordomo, o vicemaggiordoma, che se occupa de assetto der territorio, se nun prevede, se nun conosce, se nun je compete, se insomma ce capisce poco, ‘ndo stà? che ce stà a fà?? Sarò puro io che nun capisco (lo devo ammette nun è che so sobrio spesso…) ma a me me sembra che l’amici mia più struiti de me a sentilla so’ rimasti più storditi de me…[se ve la devo dì tutta puro loro cor vino je danno mica poco] Come sempre ve dico…affari vostri.
Dell’artri assessori ne riparleremo…..Però quarcuno me sà dì s’à visto li Monaci der Casale???
Un bacione da



Gasperino
5 giugno 2009




Lettera del 22 maggio 2009

Manno detto che er Gran Marchese de Ciampino è annato a Roma a parlà de li problemi vostri

Cari amici, manno detto che er Gran Marchese de Ciampino è annato co la carozza, de fero naturalmente, a Roma a parlà de li problemi vostri. C’è annato cor Marchese de Marino, bella cittadina co tanta uva e tanto vino….Pare che erano vestiti de gran cerimonia, er Gran Marchese vostro de rosso, quell’artro de nero, nun c’ò capito perché…..
Comunque ce sò annati in pompa magna pe discute de li problemi dell’aeroporto. Anzi pe stabilì, na vorta pe tutte, che tutti quell’uccellacci de fero che ve ronzeno su le capocce nun ce possono più stà. Perché puzzeno e perché fanno na gran caciara quanno scendono e quanno salgono. Giusto!! Bene!! Bravi!!
Tanto magna era la loro pompa che er Duca de Porta Pia nun se l’è filati pe gnente, forse era indisposto o forse c’aveva tanto da fa. Er Duca è ‘n gran signore che commanna tanto, quasi come er Papa Re. Abita lì ‘ndo ce sta ‘n buco ne le mura fatto, dice, da li piemontesi pe conquistà la città e caccià via er Padre Santo…..Pussssa via a sti miscredenti, che Dio ce ne scampi e liberi!

Dice che pure er Duca è tutto nero. Me sa che è ‘n moro, fijo de quarche mercante venuto dall’oriente. Ner palazzo suo ce sò tante stanze, una appresso all’artra. Li Marchesi vostri l’anno percorse de gran carriera, quasi tutte, all’ultima stanza però ce sò arivati con po’ d’affanno. C’erano ad aspettalli li maggiordomi, che l’anno fatti entrà ….lo sapete dove??? Ner Gabinetto der Duca e lì l’anno lasciati ad aspettà, ma der Duca manco l’ombra. Fintanto che nun se sò stufati e se ne sò annati.
Porelli sti Marchesi!! Tanta strada, tanta pompa…pe esse ricevuti ner gabinetto. E sì che nun sarà de certo na latrina come quelle nostre, ma sempre ‘n gabinetto è. E poi er Duca nun la farà mica profumata…..
Certo mejo che esse ricevuti ne lo sgabuzzino de le scope, speramo che a prossima vorta con po’ de fortuna venghino fatti entrà ‘n cucina….armeno là se ponno fa ‘n bicchier de vino cor pecorino, tanto pe dimenticasse der destino infame.
Intanto voi paesani ve dovete rassegnà: de l’aeroporto se ne dovrà riparlà, quarcuno dice a babbo morto. Ma, come se dice, l’importante che c’è sta a salute…e l’aria bona.



Gasperino
22 maggio 2009




Lettera del 17 maggio 2009

Oggi s’ò annato ar Palazzo der comune

Oggi s’ò annato ar Palazzo der comune. Era pieno de gente, chi annava de qua chi annava de là. Sembrava che tutti sapessero de che se stavano a occupà. Ce sò tanti servitori, segno che in sto’ posto er signore è ‘n gran Marchese. Mò lo chiamano Sindaco, ma pe mè resta sempre er Gran Marchese de Ciampino.
Penzate che de servitù ce sò quasi 200 tra stallieri, cocchieri, cuochi e faccendieri…..m’anno detto che ce stanno pure 6 capoccioni che li comannano, se chiamano “Dirigenti” e c’anno ‘n cervello sopraffino. Sembra che so destinati a breve a diventa' sette. Fino a quarche tempo fa ce n'era solo uno co 'na capoccia come er cuppolone, ma se lo so levato de torno. Prima prima c'ereno solo un po' de capoccetti che javevano detto che prima o poi li facevano capoccioni, ma quarcuno è rimasto ar palo. S’ò fa ‘n po’ de conto e me risulta che ce n’è uno pe meno de trenta servitori.
Li sordati me parono pochi, ma li generali in compenzo sò parecchi.
Io c’avrò le scarpe grosse, ma li conti nun me tornano pe gnente.
Ne le ferrovie, che pure sò ‘n carozzone de tutto rispetto, ce sta un capoccione dirigente ogni cento de la servitù. E allora com’è sto fatto, come mai tutta sta differenza??? E poi quanti scudi je dà er Gran Marchese pe dirige e pe penzà a come fa funzionà le cose ar mejo??? Se fa pe dì, naturalmente…. Quarcuno dice che sò tanti, forse troppi, e che sò pagati esageratamente….anche se c’è da dì che tanto cervello dev’esse pagato oro pe quanto pesa.
Lo sapete quant’è granne l’ignoranza mia, ma qui ‘e cose sò due. O li ciampinesi sò gran coglioni che se fanno sfila dà ‘e tasche li baiocchi come niente fosse, oppure sti scudi sò spesi bene perché n’paese tutto funziona a meraviglia. Ma se pe strada ce sò le buche, se er traffico de le carrozze de fero ve strozza, se quer poco de verde che c’avete fa schifo, se li ragazzini nun c’anno manco ‘n posto pe annà gioca e divertisse……che cazzo li pagate a fa tutti sti capoccioni che dirigono e guadambiano assai????
Affari vostri, a me me sembra che corete corete senza arivà da nissuna parte….almeno quarche vorta fermateve a beve n’bicchier de vino. Come se dice, basta che ce sta ‘a salute!! Beh, pe l’aria che respirate nun sò s’è poi così pe davvero.
Ah….ò scoperto pure che ce sò 6 o 7 Assessori, che da quello che c’ò capito sò dei Vice Maggiordomi….Ma ne riparleremo poi perché mò me gira la testa e c’ò na gran confusione.
Intanto quarcuno me sa dì s’à visto li Monaci del Casale???


Un bacione dar vostro Gasperino
17 maggio 2009




Lettera del 9 maggio 2009

Comunque sta giornata “ecologica” a me me piace

L’Assessore all’Ambiente, c’à detto, tramite er sito, che tre domeniche devono da esse “ecologiche”. E’ na parola strana che a li tempi mia nun se usava pe gnente e che dovrebbe significà che in quei giorni state vicino a la natura. Almeno così me pare d’avè capito. Ma no tanto vicino da camminà in mezzo a li prati o li boschi, semplicemente da camminà e basta perché li prati quà nun ce stanno. Dice che pe strada ce sò pure li giocolieri e li magnafoco, che a me me piaciono così tanto.
Certo cè da dì che n’po’ de tenerezza me fate, se financo dovete programmà tre giorni pe sentivve parte de la natura.
E l’artri trecentosessantadue??? Li passate, da quello c’ò visto, dentro a le scatole de fero che usate pe carozze, a incazzavve co l’artri cocchieri e a respirà sta bell’aria puzzolente.
Però sta bell’iniziativa va applaudita. Er Vicesindaco penza a voi, giorno e notte, così tanto che spesso soffre de mar de testa.
Porello!! Lui ama la natura, anzi er verde, ma è capitato in un posto dove de natura ce ne poca poca e dove in tanti s’affannano a distrugge quella striminzita che c’è rimasta.
A ben vedè però me sa che ste domeniche se le sò dovute inventà pe parasse er di dietro. Perché la legge dice che l’aria che respirate dev’esse bona e nun ce deve avè zozzerie pe più de 35 giorni all’anno. C’ò er dubbio che già ne li primi tre mesi ve sete quasi giocati sti 35 giorni….
Comunque sta giornata “ecologica” a me me piace… perché ve vedo rilassati a giocà pe le strade co li bambini, a leccavve, mentre camminate, n’ber gelato de fragola e limone…che bella invenzione er gelato!!! E speramo che ce sia sempre er sole!!!
La città senza ste carozze armate me pare più bella, più pulita. Pure le facce vostre me sembrano più belle e l’aria me sembra più leggera.
Er vino certe vorte m’annebbia li pensieri, ma na domanda ve vorrei rivorge: ve piace così tanto de stressavve a fa er giro giro tondo ne le scatole de fero o nun ne potete proprio fa a meno?
M’anno detto che da artre parti lontane, forse do ce stanno artri Papa Re e artri Marchesi, se sò ‘nventati le isole pedonali. N’do se passeggia tranquilli, li regazzini giocheno co le palle e le corde, li vecchietti se siedono su le panchine a chiaccherà e le mamme trastulleno li neonati in carozzina. In artre parti, ancora più lontane, se sposteno ne le città tutti insieme, lo chiameno er trasporto pubblico efficiente, e così ce guadambiano de saccoccia e de salute.
Se loro lo ponno fa, sò più belli de voi, o più fortunati, o forse più ricchi?
Me sa che sò solo più furbi!!!


Un bacione dar vostro Gasperino
9 maggio 2009




Lettera del 20 aprile 2009

Da quanno stò qui c’ò avuto sempre ‘ndubbio

Da quanno stò qui c’ò avuto sempre ‘ndubbio, che ve vojo raccontà: ma er Vicesindaco che fa?
Da dove vengo io ce stà er Marchese che è er signore e commanna su tutti, poi cè la la signora Marchesa, ma er vice marchese nun c’è.
Però ce sta er maggiordomo che governa er palazzo e commanna su la servitù. Forse c’ò capito!...Er vicesindaco è na spece de maggiordomo, er maggiordomo der Comune. Dev’esse pure n’anima pia e devota, così presa da pregà li Santi che quanno parla de cose terrene e fori der palazzo sembra che scenne sempre dalle nuvole.....
Stavorta l’anima pia c’à detto, sur sito der comune, che saranno piantati in alcune strade der paese degli arberelli. Che bell’iniziativa!!! Finalmente quarcuno che ce penza alla natura.
Nun c’anno detto però quanti sò st’arberelli, forse perché se sò vergognati pure loro a dillo….saranno 10 o forse 100, nun se sa. Ma come se dice: sempre mejo de’n carcio n’bocca!!!
C’è pure da dì però che n’do vai vai per paese è tutto n’fiorire de cantieri pe costruì. Nascono come margherite in mezzo a li campi, forse perché è primavera. Tanti e tanti palazzi se stanno a tirà su, ma serviranno davvero a li ciampinesi, o a li figli de li ciampinesi? De sicuro serviranno a li costruttori, che oggi sò diventati li Signori più potenti de le città. Na vorta, ai tempi miei, se misurava la potenza de li Signori co la tera, più ce n’avevi più comannavi. Oggi se misura co quanta tera sei riuscito a occupà co li palazzi, più te ne magni de natura e meglio è. Forse sarebbe mejo fermà sto scempio, sarvà quer poco de verde che cè rimasto.
M’anno detto che questo sta scritto sur “Piano Regolatore”, che se c’ò capito bene stabilisce come e dove se po’ tirà su li palazzi. E quello ch’è scritto è scritto, nessuno se po’ oppone a la legge.
Io sò ngnorante assai, lo sapete. Ma me domanno: sta legge la scritta er Papa re o li Signori der comune???
E ora er maggiordomo der comune, l’anima pia, vole compenzà tutto st’ammasso de mattoni co quattro alberelli. Sti quattro zeppi, porelli, dovrebA?bero secondo lui facce fa pace co madre natura. E’ come volecce fa crede che Gesù è morto de freddo!!!
N’artra cosa vorrei rimarcà: l’arberi da piantà a Ciampino, mille a dì la verità, è stata na proposta fatta tanto tempo fa da Colibrì e da Legambiente. Ed era pe dà na risposta concreta a li tanti problemi de la tera, no pe mettece a posto co la coscienza zozza. Forse quarcuno se lè scordato…….
Comunque un buon bicchier de vino è la miglior medicina pe tutti i mali………


Er Gasperino vostro
20 aprile 2009




Lettera del 9 aprile 2009

Oggi so annato a fà na gita fori porta. So annato a la Barbuta

Oggi so annato a fà na gita fori porta. Volevo rivedè la bella tenuta de la “Barbuta”, che se trova vicino a la via Appia, quella nova, poco dopo la villa diroccata de’ Quintili e l’archi de l’aquedotto romano. Me ricordo era un bel posto co tante e tante vigne…C’annai nel mese d’agosto pe n’carico de carbone. Er fattore era così bravo...er vinello che ce fece assaggia sotto le frasche era fresco e frizzantino. Ce stavano tre casali in quella zona, uno più bello de n’artro...E ora...mamma santa che tristezza!!!!
De le vigne belle nun c’è rimasto gnente e pure li casali stanno tutti a cadè. C’è tanta gente che abita ne le baracche, molti foresti nun se capisce de quale posto. Sì che devono da esse molto poveracci pe vive lì co quell’uccelloni de fero che jallestrano li capelli ‘gni vorta ch’arivano e dall’artra parte quer fiume de fero che je gira ‘ntorno giorno e notte e l’insaporano come se qualcuno se li dovesse magna’ ar forno. Poi intorno cè tanta tanta monnezza, montarozzi de carta e de plastica, sti materiali novi portati dar progresso che ce mettono più de cent’anni pe scomparì, così almeno m’anno detto. E ce sò pure le carcasse de le carrozze che usate oggi, co tutte le rote nere che chiamate copertoni e le batterie piene de zozzeria . Ai tempi miei la roba de scarto era tutta de natura e andava a finì a li porci, che se la magnavano e se ingrassavano pe poi fa tante sarcicce e prosciutti boni. Ma mò che glie date da magnà a ste pore bestie????
M’anno detto che lì tutta sta monnezza nun ce dovrebbe stà, che questa è na “discarica abusiva”. Me pare d’avè capito fori de la legge. Ma se è fori de la legge, perché continua a sta lì, anzi a cresce??? E ce so pure delle fonti qua vicino, dove la gente ce va a intigne l’acqua pe portassela a casa…meno male che io bevo solo er vino…. Er Consiglio der comune, er Sindaco e pure er Vicesindaco hanno detto che st’accampamento nun può continuà a stacce in quer posto e dev’esse spostato. C’anno messo vent’anni pe capillo? Oppure fino adesso hanno fatto finta de nun vedello?
E poi capisco, so’ da sposta’. Ma sposta ‘ndove? ‘n mezzo sempre a ‘sta mondezza? E co’ ‘sti stessi ricoveri’nfami? Sti poveracci so’ forse de condannati? O forse dannati? Er Papa l’ha scomunicati?

Ve lascio ora che la gola me s’è seccata e c’ò bisogno de‘n cicchetto.

Un saluto dar Gasperino vostro
9 aprile 2009




Lettera del 3 aprile 2009

Ce tocca riparlà der Casale de’ Monaci

Ce tocca riparlà der Casale de’ Monaci. Rassegnateve, penzo che questo sarà er tormentone de st’anno domini. Pe tanti anni niuno se n’era accorto manco che esistesse, forse perché era un monastero de clausura. Ora stì monaci se so ammodernati e tra feste e rassegne me sa che er diavolo c’à messo dimora………che Dio ce ne scampi e liberi!!!
Ve devo parlà de n’artro manifesto e de n’artra festa ar Casale……Ancora na festa?!?! Ve domanderete. Anzi, a dìlla tutta ve ne devo parlà de ancora due.
La prima la fanno de matina, pare pe incontrà curture diverse, artri mondi, artri modi de campà. Se chiama “InncontrArti” - quanto je piace da immischià la lingua! - perché più ce se conosce e più ce se capisce. Giusto, e lo dovrebbe da capì anche er Santo Padre, che se fosse pe lui tutto dovrebbe da restà fermo, immobile. E così chi è ricco è ricco, e chi è ‘npoveraccio lo deve da restà pe tutta la vita, come io a spalà e a carreggia er carbone. Allora incontramose e crescemo tutti insieme!!! Però……Però……dice che a incontrasse sò solo le “donne del territorio”, e li maschi no??? Solo donne a parlà, a fà festa, solo loro a magnà…….e l’omini???

Ma a le dieci de’ matina quale donna ce potrà mai annà a sta festa fatta apposta pe falle cresce??? Tante de sto paese l’ò viste core la matina presto pe annà a lavorà, e nun penzo che ce potranno arrivà in tempo ar Casale. Me sà che de donne ce ne saranno poche, poche ad ascoltà e tante a parlà. E a magnà, de sicuro quelle ch‘anno chiacchierato………
Io me ne vado in osteria, e speriamo che er vino sia bono!!!!
Ah!! La seconda festa che ve dicevo……Se chiana “FantasticArte”, a ridaje co sti giochetti de parole……E qui de feste ce ne sò tante, da aprile a dicembre der dumilanove. Feste che mò se chiamano workshop…..dev’esse na parola inglese. Nun me chiedete che vordì, tanto nun ve lo saprei raccontà. Sur sito der comune hanno scritto che t’aiutano, grazie a l’arte, a mejo lavorà. Boh?!?! Nun c’io’ capito però se er sacco de carbone diventa più leggero, o le gambe invece che sò più forti.
Ve lo sapremo raccontà. Come ve sapremo ridì di tutti li scudi che ce so voluti pe sta bella trovata.


Er Gasperino vostro
3 aprile 2009




Lettera del 31 marzo 2009

Ce sò annato amici ar Casale de’ Monaci

Ce sò andato amici al Casale de’ Monaci, pe riuscì a capì che d’era sta “rassegna dell’essere persona”. Se trova in un bel posto, vicino a un palazzone lungo e alto che deve da esse la fortezza de qualche gran signore. Al monastero nun ce stava manco un frate e de cristiani pure ce n’eran pochi pochi. Sò entrato dentro e tutto era al buio, che strana festa senza canti e mortaretti. Manno raccontato che er Rock è vita, movimento, musica, ma io, forse perché m’ero fatto un cicchetto, me stavo quasi ad abbioccà. Manno detto pure che sta festa era de “nicchia”, che se l’ho capito bene vor dì de pochi. E infatti pochi ce n’eran davvero. Ma ragionando da ‘ngnorante co la scorza che sò, me sò chiesto: è stata pagata da pochi o da tutti??? De li loro scudi i ciampinesi ce possono fa quello che vonno, ma almeno lo sanno??? Sanno quanti baiocchi ce so voluti pe fa divertì chi nun c’è annato??? E li frati dove se sò cacciati, poveretti???
Ho letto su l’entrata der Casale: Centro Culturale Comunale per le Arti Applicate e il Territorio. Nun c’ho capito granchè, però la Tera, la Campagna, come la volete chiamà, nella festa nun s’è vista proprio. Io faccio er carbonaro lo sapete, ma la campagna me piace. Me piaciono le vigne, l’uva, er vino……sopra ogni artra cosa me piace er vino……..Ma se continuate a magnavve la Tera co li palazzi e a distrugge le vigne, er vino come lo fate???
Sto teritorio, come lo chiamate voi, me pare che sta a morì de morte lenta. E li paesani, sò talmente presi da scarrozzà in stè scatole de fero, che manco se n’accorgono.
Se er Casale sta lì pe salvà er teritorio, me pare che nun stamo in campagna ma in alto mare………….


Er Gasperino vostro
31 marzo 2009




Lettera del 28 marzo 2009

Oggi ho visto de manifesti pè strada

Oggi ho visto de manifesti pè strada, erano scritti piccoli piccoli e la vista purtroppo me sta abbandonà. Dalle mie parti li manifesti vengono urlati e non appiccicati su li muri.
Ho letto er titolo però: II Rassegna dell’Essere Persona L’ARTEèROCK, 21-29 marzo, Casale dei Monaci. Se la prima rassegna sè svorta a Ciampino, me la devo da esse persa. Er mio italiano è misera cosa, mejo parlà in romanesco, e poi la lingua sta sempre a cambià, ma mè venuto un dubbio, anzi due: è la Persona che se fa Rock, o è er Rock che se fa Persona e dov’è che ce se intrufola l’arte?!?!?! Questa specie de matrimonio, intreccio, o misterioso incastro perché mai dovrebbe avvenì in un monastero?!?!?!
Sò andato sur sito del comune pè sviscerà la cosa, se dice così www e vattelapesca, da poco manno’mparato a smanettà su la tastiera de quell’aggeggio che chiamano compiuter. Ho trovato na locandina, ma sta vorta era scritta talmente piccola che neanche la lente pè ingrandì m’à permesso de leggela. So’ arivato alla fine a penzà che la festa doveva esse sì cantata senza però facce capì n’cazzo a li cittadini, che pure poveretti la devono avè pagata. Chi ce vole andà al Casale dei Monaci ce vada pure, male che va avrà fatto na bella passeggiata fuori de le mura. E nun se scordi de dì a li monaci de pregà pè tutti noi! Ritorneremo su st’argomento, e come se ce ritorneremo……
Un saluto caro dar vostro


Gasperino
28 marzo 2009